Recensione: Microsoft Surface Studio

Microsoft ha scritto una lettera d’amore ai creativi amanti di Apple, sottoforma di PC più cool che tu abbia mai visto.

Non molto tempo dopo che Satya Nadella ha preso in mano Microsoft, ha dichiarato i suoi pinai per la compagnia. “Vogliamo che la gente passi dall’aver bisogno di Windows allo scegliere Windows, amare Windows”, ha detto.

Microsoft sta combattendo contro la sua reputazione vecchia di decenni come l’azienda che fa cose che odii ma di cui hai bisogno, accanto ad Apple come il creatore di hardware lussuoso che ispira devozione. È difficile da ribaltare con un dispositivo, specialmente quando il dispositivo costa tremila euro.

Ma una cosa divertente ha continuato a succedere nelle settimane che ho passato con Surface Studio, la lettera d’amore ai creativi di Microsoft. La gente arrivava alla mia scrivania, si sedeva e giocava con il desktop PC convertibile per qualche minuto. Disegnavano con la mia penna, tiravano e spostavano lo schermo da 28 pollici, guardavano un video su Youtube. Quando andavano via, tutti dicevano più o meno la stessa cosa: Amo questa cosa. Poi, dopo una grande pausa esistenziale: Non posso credere che amo un computer Windows. Continue reading “Recensione: Microsoft Surface Studio”

Ti serve un antivirus su un tablet Amazon Fire?

Ecco perchè non c’è bisogno di installare alcun software antivirus sul tuo tablet: sei l’anello più debole nella catena. Spieghiamo come evitare attacchi phishing ed altri pericoli.

È una domanda che ci è stata fatta spesso: è necessario installare un software antivirus su un tablet Amazon Fire? (Sono conosciuti anche come Kindle Fire tablets, ma Amazon ha lasciato il nome ‘Kindle’ un paio di anni fa).

La risposta breve è no. Ma questo non significa che tu sia invulnerabile agli attacchi. Ecco cosa devi sapere per essere al sicuro.

Sono i tablet Fire immuni dai virus?

Tecnicamente no. Ma i cybercriminali tendono a scrivere più malware per Windows perchè gira su centinaia di milioni di computer e laptop. In contrasto, il numero di tablet Amazon Fire è molto piccolo, perciò non c’è molto incentivo a prendere di mira questi utenti.

In più, finchè installi app dall’Appstore di Amazon(di seguito) e da nessun’altra parte, è molto improbabile che un’app contenente dei virus entri nel tuo tablet.

Anche se succedesse, non avrebbero libero accesso agli altri file sul tablet o all’hardware come la camera o il microfono. Quando installi un’app, deve richiedere i permessi per ognuna di queste cose, perciò non li concedere se non sei d’accordo o non ti fidi completamente dell’app.

Infine, i tablet Fire si aggiornano automaticamente, perciò avrai sempre l’ultima versione del software, che dovrebbe essere la più sicura.

Perchè devo essere cauto allora?

Un modo in cui i criminali attaccano tutti su internet, a prescindere dal dispositivo utilizzato è l’ingegneria sociale. Detto semplicemente, significa che cercheranno di fare in modo che tu gli fornisca i tuoi dati senza che tu te ne accorga.

Una tecnica molto conosciuta è il ‘phishing’ tramite email, che conterrà un messaggio che ti persuada a dare informazioni – forse i dettagli della tua banca – per avere qualcosa in cambio. Potrebbe essere la truffa di un rimborso, un ribasso delle tasse o anche il classico “Mi hanno lasciato milioni di euro e li voglio dare a te”.

Potrebbe anche sembrare una email da Amazon. Circa un anno fa, sono state inviate email false che dicevano ci fosse un problema con un ordine recente, e tentavano di spingere gli utenti ad inserire i dettagli della banca.

Ci sono un sacco di altre truffe, ma devi esercitarti con cautela quando compri online o controlli le email. Non cliccare sui link a meno che tu non sia sicuro che siano genuini.

A volte un link in una email sembrerà buono, ma ti porterà ad un sito maligno che potrebbe essere un clone del sito della tua banca. Ecco perchè è meglio aprire un browser e digitarlo per conto tuo, poi controllare che il sito abbia il simbolo del lucchetto a dirti che la connessione è sicura.

Dell XPS 15 2-in-1 sfida Apple con la sua Radeon Vega graphics e una tastiera magnetica

Si, anche quest’anno è arrivato il fatidico momento, ovvero l’annuale sfida di Dell contro il decantato MacBook Pro 15.

Con XPS 15 2-in-1 Dell inizia i giochi con una nuova premessa. Come suggerisce il nome, l’XPS 15 è una convertibile 2-in-1 che consente di ripiegare lo schermo da 15,6 pollici su sé stesso per l’uso in modalità tablet o “tenda”. Il portatile supporta 10 punti di contatto. È inoltre possibile utilizzare la penna basata su tecnologia Wacom con 4.096 punti di pressione.

Lo schermo in sé è disponibile in due varianti. Il primo è un pannello 4K che supporta il 100% dello spettro cromatico Adobe RGB. Probabilmente si divorerà molto velocemente la batteria dell’XPS 15 2-in-1. La seconda opzione, più a basso consumo di batteria è un pannello 1080p che raggiunge 400 nits e 100 % della gamma cromatica sRGB..

Specifiche e Funzionalità del Dell XPS 15 2-in-1

Ma la grande novità risiede all’interno: ovvero il nuovo chip TDP Kaby Lake G da 65 watt di Intel. Dell offre il Chip Core i5-8305G o Core i7-8705G. Entrambi sono processori quad-core collegati ad una grafica AMD Radeon RX Vega M GL integrata con 4 GB di RAM HBM2. Continue reading “Dell XPS 15 2-in-1 sfida Apple con la sua Radeon Vega graphics e una tastiera magnetica”

3 fantastiche funzionalità in arrivo con Firefox e disponibili subito

L’imminente Firefox 59 vi permetterà di bloccare i siti dal chiedere il permesso ad inviarvi notifiche e conoscere la vostra posizione, ma vi è possibile fermarli sin da subito, nel contesto della struttura attuale di Firefox con un po’ di ricerca.

Il rilascio in marzo di Firefox 59 aggiungerà i comandi per l’impostazione delle autorizzazioni per come il browser accede alla vostra posizione insieme alla telecamera del  vostro computer e al microfono. Includerà anche un’impostazione globale per bloccare verso i siti la richiesta di autorizzazione ad inviare notifiche.

Queste impostazioni saranno molto apprezzate – in particolare la possibilità di stoppare quelle richieste fastidiose che i siti fanno comparire chiedendo l’autorizzazione ad inviare notifiche – tuttavia vi è possibile accedere a queste impostazioni se si è disposti ad esplorare le impostazioni avanzate di Firefox nel campo: config.

  1. disabilitare le richieste di notifica

Avete mai risposto “Autorizzo quando un sito chiede il permesso ad inviare notifiche? Io no Se siete stanchi di dover ripetutamente rispondere ripetutamente “Non autorizzo” a questa domanda, c’è un modo per evitare che i siti inoltrino queste richieste.

È necessario posizionarsi nel campo: “config” nella barra degli indirizzi di Firefox e fare clic sul pulsante “Accetto il rischio” Cercare Dom. push. Enabled e fare doppio clic su di esso per cambiare il valore da true a false.

  1. Disabilitare le richieste di localizzazione

Molti siti richiedono inoltre la vostra posizione, il che potrebbe risultare utile per alcuni tipi di siti (meteo, mappatura e così via), ma certamente non lo è per molti di essi. Se vuoi disabilitare tutti i siti della possibilità di richiedere tua posizione, vai su about:config, Cerca geo. enabled e impostane il valore su false.

  1. Disabilitare le richieste d’utilizzo della Webcam e del microfono

Hai probabilmente ricevuto, da parte dei siti, meno richieste riguardo l’utilizzo della tua webcam del PC e del microfono, ma è possibile disattivare queste richieste sempre andando su about:config. Trova media.navigator.enabled e media. peerconnection. enabled e imposta i valori di entrambi su false.

Microsoft distribuisce il nuovo aggiornamento a Windows 10 per sistemare il bug di sicurezza nei chipset Intel, AMD ed ARM

Microsoft sta distribuendo un aggiornamento cumulativo che porta Windows 10 alla Build 16299.192 ed ha un fix per il bug di sicurezza presente in alcuni chipset Intel, AMD ed ARM. L’aggiornamento ha corretto la vulnerabilità che avrebbe permesso agli attaccanti di prendere controllo del sistema di Windows.

Il bug di sicurezza nei chipset Intel espone la memoria centrale, questo basilarmente permette ad un attaccante di accedere ai dati e di leggere i contenuti protetti. Come atteso, Microsoft ha già pronta una patch di emergenza per Windows 10. D’altro canto, i dispositivi Windows 7 e windows 8.1 non si aggiorneranno automaticamente alla nuova versione fino alla patch di martedì, puoi comunque scaricare l’installer offline dal Catalogo Microsoft Update.

I dispositivi Windows 7 e Windows 8.1 riceveranno l’aggiornamento via OTA nella Patch di Martedì. Microsoft ha già corretto la patch per i Windows Insiders l’anno scorso. Microsoft non si preoccupa di alcun exploit attualmente. L’azienda ha anche rilasciato una dichiarazione confermando un bug nei chipset.

“Ci preoccupiamo di questo problema globale e stiamo lavorando a fianco dei produttori di chip per sviluppare e testare soluzioni per proteggere i nostri clienti. Siamo nel processo di rilascio delle soluzioni ai servizi cloud ed abbiamo rilasciato aggiornamenti di sicurezza per proteggere i clienti Windows contro le vulnerabilità che affliggono i chip hardware di Intel, AMD ed ARM. Non abbiamo ricevuto alcuna informazione che indichi che queste vulnerabilità siano state usate per attaccare i nostri clienti”, ha detto Microsoft.

Le prime notizie dicevano che le prestazioni di alcuni PC potessero subire un colpo. Intel, comunque, dichiara che non ci sarà alcun rallentamento notevole, comunque dipende dal carico di lavoro. È probabile che le prestazioni di gioco possano subire un colpo, ma gli sviluppatori perssono ottimizzare il sistema per risolvere questi problemi. Intel potrebbe star già lavorando su un altro aggiornamento che migliorerebbe le prestazioni dei chipset, ma per ora, la priorità è di risolvere la vulnerabilità per evitare ogni potenziale attacco.

I dispositivi Windows 10 con software antivirus incompatibilii non riceveranno gli aggiornamenti di sicurezza e di Windows

Le ultime falle Meltdown e Spectre stanno affliggendo i PC ed i telefoni Windows. I dispositivi con processori Intel, AMD ed ARM sono principalmente affetti da questo problema.

Per risolverlo, Microsoft ha distribuito patch per Meltdown e Spectre per Windows 10, Windows 8.1 e Windows 7 tramite un aggiornamento cumulativo. Bene, sfortunatamente, pare che i nuovi aggiornamenti abbiano un problema con il tuo software antivirus e non ti permetteranno di installare l’aggiornamento.

La ragione dietro a questo problema di compatibilità si affronta con alcuni software antivirus. Secondo Microsoft, questo problema nasce a causa delle chiamate non supportate che l’Antivirus fa alla Memoria Kernel di Windows. Questo potrebbe causare errori BSOD che potrebbero rendere il tuo dispositivo inavviabile.

Fortunatamente, Microsoft ha fornito una soluzione a questo problema. Per prevenire qualunque problema, Microsoft suggerisce ai produttori di software Antivirus di aggiornare il loro software e di aggiungere la nuova chiave di registro al Registro di Windows fornita da Microsoft nella loro pagina di supporto.

I produttori devono settare la seguente chiave di registro per essere compatibili:

  • Key=” HKEY_LOCAL_MACHINE”
  • Subkey=”SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\QualityCompat”
  • Value=”cadca5fe-87d3-4b96-b7fb-a231484277cc” Type=”REG_DWORD”
  • Data=”0x00000000”

Questa chiave di registrro direbbe al sistema operativo che il software Antivirus è compatibile ed il Sistema riceverebbe gli aggiornamenti successivi. Microsoft sta lavorando con i produttori per arrivare alla soluzione di questo problema.

Fino ad allora, gli utenti che usano un Antivirus di terze parti non riceveranno alcun aggiornamento, tra cui l’aggiornamento di sicurezza di Gennaio. Ma se stai solo usando Windows Defender, riceverai gli aggiornamenti senza incontrare alcun problema.

Il 2018 sarà l’Anno dei Grandi Aggiornamenti delle Funzionalità dei Laptop

L’ anno scorso, ho capito che, dopo un anno o due di sosta, i laptop sono tornati in pista. Quest’ anno i fornitori si concentreranno a renderli ancora più competitivi.

Alla fiera CES della scorsa settimana, abbiamo visto un certo numero di computer portatili in arrivo e abbiamo avuto modo di comprendere la direzione che prenderà il mercato nel 2018. Come succede ogni anno, alcuni computer portatili si assottiglieranno e basta, mentre le vere e proprie innovazioni si manifesteranno sotto veste di prestazioni più elevate, miglior valore di’ intrattenimento e un’esperienza più semplice e personale.

Ci sono dunque cinque cose che abbiamo appreso sul futuro dei computer portatili.

L’HDR è Protagonista

Nel 2018 alcuni computer portatili raggiungeranno la stessa qualità visiva dei più recenti televisori. Abbiamo già visto un numero di dispositivi con pannelli 4K, ma ora ne vedremo altri dotati di HDR, per colori più brillanti, dettagli più precisi e neri più profondi. Tra gli “articoli salienti” sono da segnalare i prodotti Dell XPS 15 2-in-1 e Lenovo ThinkPad X1 Carbon, anche se ci aspettiamo di vedere di più durante l’anno, oltre a vedere nuovi contenuti che supportino l’ HDR.

Ci sarebbe piaciuto poter apprezzare più portatili con schermo OLED ( erano presenti infatti solo due modelli, ThinkPad X1 Yoga e Alienware 13).

Alexa sta per Approdare su Windows

“Hey Cortana, Vorrei disattivarti.”
“Alexa, è il tuo turno.”

L’ assistente digitale di Microsoft non è mai realmente diventato mainstream, e ora Amazon rilascerà un’app Alexa che andrà a colmare il gap tra le due. Acer, Asus, HP e Lenovo in particolare hanno annunciato che sosterranno il progetto, ma non c’ è motivo per cui ogni portatile Windows 10 non possa supportare l’assistente di Amazon.

Questa notizia fa seguito ai rapporti dello scorso anno, i cui si diceva che gli utenti sarebbero stati finalmente in grado di accedere ad Alexa chiedendolo a Cortana. Ora, l’app di Amazon significa che non dovrai più per forza doverti affidare all’assistente di Microsoft.

Il grande vantaggio di Cortana rimane che è possibile utilizzarla anche quando il vostro computer portatile è bloccato, ma con la crescente diffusione di Alexa, sono sicuro che la gente saprà rinunciare a ciò.

Microsoft farà sicuramente passare ciò come una scelta aggiuntiva offerta ai suoi utenti, ma questa mossa in realtà rappresenta un duro colpo verso Cortana, sfoderano per poter rivendicare una qualsiasi quota di mercato negli assistenti digitali e nell’ internet delle cose.

Anno Nuovo, Nuove CPU

Il lancio scaglionato che Intel ha effettuato con le sue CPU di Ottava Generazione è stato goffo, ma i suoi nuovi chip Kaby Lake-G dotati di grafica Radeon rappresentano un ottimo affare. Oltre a collaborare con AMD, il che suona già più che pazzesco, Intel sta fornendo CPU con una grafica integrata, in grado di fornire tutta la potenza necessaria per effettuare montaggio video, fotoritocco e anche per giocare con basse pretese. Non sono certamente delle workstation portatili, ma i creativi sempre in movimento saranno finalmente in grado di portare con sé qualcosa di più sottile e leggero, come l’HP 15 pollici Spectre x360 e il Dell XPS 15 2-in-1.

E se il tuo portatile preferito non è ancora stato aggiornato con l’ottava generazione, sicuramente potrai aspettarti di ricevere novità a breve. Abbiamo visto inoltre i primi laptop aziendali di 8a Generazione, pronta per la distribuzione enterprise, come la linea ThinkPad di Lenovo  e la Dell Latitudes.

I Portatili da Gaming stanno Aspettando Intel

Il CES di quest’anno si è rivelato essere piuttosto tranquillo sul fronte Laptop da Gaming. Questo perché? I fornitori di portatili da gioco purtroppo non possono ancora parlare dei processori Intel 8a generazione Core H, poiché infatti non sono ancora stati annunciati.

In realtà, questo è il motivo per cui i nostri computer portatili da gioco preferiti che abbiamo visto al CES includono una rinnovata macchina economica di Acer con Ryzen Mobile e un portatile da gaming premium di MSI con una CPU su cui l’azienda non ha speso troppe parole.

Diversi fornitori hanno suggerito che quest’ anno i computer portatili da gioco vedranno diverse novità, ma non fino alla seconda metà di questo 2018. Se stai quindi valutando la possibilità di aggiornare il tuo portatile da gioco, ti consigliamo di aspettare fino a questa estate/autunno.

L’USB Type-C sta Finalmente Prendendo Piede.

Siamo tutti ancora fissati alle nostre porte USB full-size. Ma l’USB Type-C é il futuro, e quest’ anno pare finalmente che tutti si stiano muovendo verso questa direzione. Ho visto sia Chromebook a buon mercato che potenti workstation offrire il nuovo standard (oppure Thunderbolt 3, il suo fratello più performante), così come molti dei portatili appena usciti.

Questo è molto importante, perché solo così le persone cominceranno ad acquistare e utilizzare accessori USB-C, diffondendo di fatto lo standard e rimuovendo la necessità di appoggiarsi ad adattatori. La maggior parte dei computer portatili, tuttavia, sono ancora ben ancorati all’USB 3.0, e certamente non tutto il mercato sta seguendo l’esempio di Dell XPS 13 e MacBook Pro di Apple (entrambi utilizzano solo porte Thunderbolt / Type-C).

Molti fornitori sono soliti distribuire kit di stampa su chiavette USB contenenti immagini e informazioni sulle nuove macchine in uscita, quest’ anno è stata la prima volta che ne ho ricevuta una di tipo USB Type-C, anche se era dual-side e aveva uno sbocco USB 3.0 sull’ altro lato. Ehi, almeno è già un passo avanti.